Depressione, ansia e attacchi di panico in gravidanza, curati con Valium e Xanax

Buongiorno, mi chiamo Martina e ho 31 anni.

Da quando ne avevo 20 soffro di depressione associata ad episodi di forte ansia e attacchi di panico curati sempre con ansiolitici di ogni tipo..fino a quando ho scoperto di essere incinta..

Appena visto il test positivo, il panico ha preso il sopravvento..assumevo circa 6 mg di Tavor al giorno..sostituito a volte con 60/70 gocce di Xanax..il ginecologo mi ha sospeso tutto..non vi dico le sofferenze atroci che ho attraversato..presa dalla disperazione ho chiamato il Telefono Rosso…..mi hanno subito rassicurata dandomi indicazioni sul dosaggio da assumere senza correre rischi…da lì la mia lenta rinascita..ho assunto Valium e Xanax fino a poco fa..ora sono a 26+1 e il piccolo cresce e sembra bene..mi hanno assicurato che avrei potuto assumere benzodiazepine fino ad una ventina di giorni dal parto..ma scalarle sembra essermi venuto naturale..abbiate fiducia in questi professionisti..

Vorrei essere a disposizione (non so se possibile) [scrivendo un commento su questo articolo] alle persone che magari hanno bisogno di maggiori dettagli sul mio percorso

Grazie per avermi ridato tanto

Depressione, ansia e attacchi di panico in gravidanza, curati con Valium e Xanax

8 pensieri su “Depressione, ansia e attacchi di panico in gravidanza, curati con Valium e Xanax

  • aprile 29, 2018 alle 11:49 am
    Permalink

    Ciao… vorrei sapere se l’utilizzo di ansiolitici e antidepressivi oltre a non recare problemi di malformazione fisica del neonato, se nel tempo non si presentano problemi di disturbo neurocomportamentale o di sviluppo psico-fisico… Sono al settimo mese, anche a me pare procedere tutto bene, solo ho questo dubbio, se ci saranno problemi a livello.mentale o.no. Attendo una risposta, grazie.

  • maggio 8, 2018 alle 8:29 pm
    Permalink

    Oggi ho incontrato un’amica, che non vedevo da parecchio ed il discorso è andato a finire sui figli. Il secondo, che ha sui 25 anni ed è alto un metro e novanta, sta per prendersi la seconda laurea. Eppure ha rischiato di non nascere, perché la madre faceva uso di psicofarmaci (non chiedermi quali, perché non lo so, non gliel’ho mai chiesto) e già gli avevano detto che doveva abortire, ma lei chiamò il Telefono Rosso e si tranquillizzò. Ho visto lei e mi sono ricordato di te che vuoi rassicurazioni su tuo figlio quando sarà grande. Penso di avertele date. Che dici?

  • giugno 14, 2018 alle 4:11 pm
    Permalink

    Ciao Martina! Mi chiamo Lorna e da 4 anni uso lorazepam ( benzodiazepine) 0.5 ogni sera per dormire. Adesso sono incinta alla 15 esima settimana e non ho potuto scalare. Ho tanta paura per mia figlia se con tempo non si presentano problemi neurocomportamentale o fisici. Grazie

  • luglio 3, 2018 alle 6:40 pm
    Permalink

    Ciao lorna!sono stata più volte rassicurata dal telefono rosso e dal centro antiveleni..non ci sono studi che affermano con certezza la correlazione tra assunzione di benzodiazepine e ritardi nello sviluppo.
    Chi le ha assunte ha la stessa probabilità di chi non ne ha mai fatto uso. L’unica cosa che forse ma non è nemmeno detto che succeda è quella della crisi d’astinenza neonatale..evitabile con l’interruzione Delle benzodiazepine una ventina di giorni prima del parto

  • agosto 11, 2018 alle 5:25 pm
    Permalink

    Martina, a che dosaggio li hai presi?
    io ne prendo 2.5 mg Tavor e 2.5 mg Xanax..

    sn preoccupata!! ma nn riesco a toglierli

    grazie lisa

  • agosto 11, 2018 alle 5:54 pm
    Permalink

    Eccomi di nuovo qui… mia figlia è nata il 20 Luglio. Grazie a Dio sta benissimo…. al momento del ricovero ho spiegato la situazione in ospedale e al momento della nascita hanno messo la bimba in incubatrice sotto osservazione per 24 ore con visite approfondite. Non hanno rilevato nessuna anomalia, e sono felicissima. Grazie Martina per avermi rassicurata. Pare sia intelligente e furba… quindi nessun sintomo di deficit mentale. Ovviamente dal primo giorno ho allattato con.biberon perché mi ero informata e mi è stato consigliato di evitare l’allattamento al seno in quanto i farmaci passano nel latte anche se in piccola quantità, ma per sicurezza ho scelto latte artificiale per il suo bene, e ai miei parenti amici che non sanno del mio problema, ho spiegato semplicemente che non avevo proprio latte al seno. Spero questa mia esperienza possa essere di aiuto a tante altre future mamme…

  • agosto 11, 2018 alle 5:56 pm
    Permalink

    Marianna come era il tuo dosaggio?

  • agosto 12, 2018 alle 10:33 am
    Permalink

    Marianna ciao!la mia è nata il 5 agosto!anche lei nessun problema! è un po’ pigra ma nulla è correlato a quello che ho preso io!vuole soltanto dormire un sacco!mi piacerebbe rimanessimo in contatto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Subscribe without commenting

Pin It on Pinterest

Share This
WhatsApp chat