Assunzione di Citalopram Ratiopharm e ricerca di una gravidanza

15 novembre 2020

Buonasera,

sono Francesca, ho 37 anni e sto cercando di concepire; per questo da 3 mesi ho interrotto gradualmente (per mio scrupolo, chiedendo anche allo psicologo che mi segue) l’assunzione di Citalopram gocce Ratiopharm 40 mg/ml (dose di 10 gocce), che ho preso per circa 3 anni (due consecutivi con 8 gocce con uno stop a fine 2019 e poi ripreso dopo alcuni mesi con 10 gocce fino ad agosto),per un disturbo fobico-ossessivo e ansia.  Purtroppo i sintomi si stanno ripresentando e vorrei capire se posso riprendere l’assunzione, in che dosi e se questo può comportare problemi per il concepimento e poi al feto, nell’eventuale gravidanza; come mi sembra di aver capito dalle info reperibili on line e dalla lettura delle vostre risposte ad altre donne, gli SSRI non sono teratogeni ma si possono presentare nei primi giorni di vita del  bambino disturbi respiratori o altri. Inoltre ho letto uno studio, che può esserci correlazione con rischi del  bambino  di sviluppare disturbi dello spettro autistico, se la madre ha assunto a antidepressivi in gravidanza. È vero?

Vi ringrazio per la disponibilità.

Cordiali saluti,

Francesca

Gravidanza Felice

Buon giorno,

Le trasmettiamo  la risposta del prof. Marco De Santis, responsabile del Telefono Rosso del Policlinico Gemelli di Roma:

“La signora deve valutare con medico curante necessità e dosi della terapia, che comunque è  compatibile con gravidanza con le dovute accortezze di eco, ecocardiografia fetale e parto in centro con neonatologia. La sindrome neonatale transitoria è facilmente trattabile con riscaldamento ed idratazione, dipende anche dalle dosi assunte e non supera il 15-20% dei casi. La sindrome autistica è in aumento nel mondo occidentale e ha origini multifattoriali, non si può dire che il farmaco ne sia la causa.”

Dal momento che riteniamo il suo quesito e la consulenza del prof. De Santis molto utili per altre donne con i suoi stessi problemi, vorremmo poterli pubblicare sul nostro sito https://www.gravidanzafelice.com/,  se è d’accordo. L’email non comparirà

Confidando nel suo buon cuore e nella sua sensibilità, cogliamo l’occasione per porgerLe i nostri più cordiali saluti,

Ass. Gravidanza Felice

P.S. Le segnaliamo ad ogni buon fine queste testimonianze sull’assunzione del citalopram in gravidanza sul nostro sito:

https://www.gravidanzafelice.com/nuovo/2020/07/25/citalopram-in-gravidanza/

https://www.gravidanzafelice.com/nuovo/2020/05/02/tavor-citalopram-ed-olanzapina-in-gravidanza-ed-in-allattamento/

https://www.gravidanzafelice.com/nuovo/2020/01/21/possibile-assumere-citalopram-ed-en-in-gravidanza/

https://www.gravidanzafelice.com/nuovo/2017/11/14/in-gravidanza-alla-35-sett-continuare-o-smettere-la-terapia-con-citalopram/

https://www.gravidanzafelice.com/nuovo/2020/08/10/citalopram-e-alprazolam-in-gravidanza/

Se di Milano o della Lombardia, si può rivolgere anche ad ambulatori ospedalieri per donne con i suoi stessi problemi, quali il Centro Psichedonna presso l’ospedale MacedonioMelloni

l’ambulatorio di Ostetricia e Psicofarmacologia presso l’Ospedale Sacco di Milano 

Se di Roma o del Lazio, al Servizio ambulatoriale e di DayHospital per il sostegno psicologico alla maternità per donne in gravidanza e nel periodo successivo al parto del Policlinico Gemelli.

Le segnaliamo anche l’Associazione Progetto Ilizia https://www.progettoilizia.org/

 

Francesca

Vi ringrazio molto. Vi chiedo un’altra delucidazione, visto che ieri ho sentito la psichiatra e le ho posto le stesse domande; la sua risposta è stata questa:” il Citalopram si può prendere ma io le darei invece la Paroxetina che è più conosciuta“. Io invece documentandomi in internet leggo che proprio la paroxetina è, tra gli SSRI, quello per cui si è riscontrato “un aumento nel rischio di malformazioni congenite, in particolare cardiovascolari associati all’assunzione della paroxetina durante il primo trimestre di gravidanza […] Il medico, all’atto della prescrizione, dovrà valutare l’opzione di trattamenti alternativi in donne in gravidanza o che stiano pianificando una gravidanza.”

Sono un pò confusa, se si prende, quale è meglio?

grazie ancora, si potete pubblicare sul sito.

Saluti

Francesca

Gravidanza Felice

Buongiorno,

Le trasmettiamo  il chiarimento del prof. Marco De Santis:

“La prescrizione la fa il curante. Vanno bene entrambi con le stesse precauzioni in gravidanza.”

 

Se ti piace gravidanza felice ricordati di seguire la nostra pagina facebook

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WhatsApp chat