UroTc con mezzo di contrasto, effettuata il giorno dopo eventuale concepimento. Esposizione non a rischio.

25.02.2020

Salve, vi ringrazio in anticipo per il servizio che fornite a chi si trova come me in una situazione di preoccupazione. Sto cercando una gravidanza da poco, e tra il 22/23 febbraio, massimo 24, dovrei aver ovulato. Il 23 ho avuto un rapporto non protetto proprio in funzione della ricerca.

Il problema é che ieri, 24 febbraio, sono stata sottoposta ad un’UroTc con mezzo di contrasto addome completo d’urgenza dopo essermi presentata al Pronto Soccorso per coliche renali, che non passavano. Si é resa necessaria l’urgenza dell’esame, perché è da qualche mese che presento microematuria persistente senza sintomi, soffro anche di endometriosi e in famiglia ho casi di patologie renali. Ero già stata visitata dall’urologo, che in ecografia non vedeva niente e, pertanto, avevo già fissato su suo consiglio un’UroTc nei giorni delle prossime mestruazioni per scongiurare appunto una gravidanza. Invece c’è stato l’imprevisto, che ha accelerato la cosa. Per fortuna alla fine ho solo vari micro calcoli.

Non riesco, però, a togliermi dalla testa la paura che possa essere avvenuto il concepimento durante le ore passate tra il rapporto non protetto e l’urotc.

Ho anche chiesto a quali dosi di radiazioni son stata sottoposta che Vi indico:

Apparecchio Brivo CT385 Series 
mGy per 4 volte con i seguenti valori: 6,51 / 7,52 / 6,58 / 7,45 per un totale di 28,06

mGy-cm total exam DLP: 1376, 37

Con queste radiazioni possono esserci problemi fisici e/o psichici nell’eventuale frutto del concepimento? Tale dose può aver modificato in qualche modo il Dna contenuto nell’ovocita e nello spermatozoo, se ancora non si erano incontrati?

Scusate per il quesito, ma mai avrei pensato di trovarmi in questa situazione.

Tel: ……. Carla

28.02.2020

Buongiorno, sig,ra Carla,

       Le trasmettiamo la risposta del tutto rassicurante del prof. Marco De Santis, responsabile del Telefono Rosso del Policlinico Gemelli di Roma: “Dose in rad sotto la soglia di allarme, quindi, esposizione non a rischio anche per radiotesistenza dell’embrione nelle prime fasi di sviluppo.”

Cordiali saluti e tanti auguri di cuore,

Ass. Gravidanza Felice        

Vi ringrazio infinitamente.Siete un fondamentale aiuto per chi come me si è trovata in situazioni simili! 

Grazie mille. Carla

 

 

UroTc con mezzo di contrasto, effettuata il giorno dopo eventuale concepimento. Esposizione non a rischio.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WhatsApp chat