EMOFILIA, TAC ALL’ADDOME CON MEZZO DI CONTRASTO E PILLOLA ANTICONCEZIONALE SENZA SAPERE DI ESSERE INCINTA: BIMBO SANO

Sono una ragazza di 33 anni con deficit del fattore V (emofilia). In data 06.04.2008 sono stata ricoverata in ospedale x un eventuale scoppio di follicolo mi hanno fatto una Tac all’addome con mezzo di contrasto e in più premetto che assumo la pillola anticoncezionale (Arianna) da 14 anni. Dopo tutte queste indagini esco dall’ospedale e dopo aver fatto ulteriori esami  tra cui le bhcg, che erano altissime vado da un mio ginecologo di fiducia e solo allora scopro di essere incinta di 7 settimane. Ora sono preoccupatissima xché, oltre al mio deficit, ho paura di aver fatto la Tac con mezzo di contrasto (non sapendo di essere incinta – mi sono fatta il conto ed ero di 4 settimane) e poi ho assunto Arianna fino a che non mi è stata diagnosticata la gravidanza. Vi prego ho tanta paura, rispondetemi! GRAZIE.

June 04, 2008

Carissima, t’inviamo, come promesso, la risposta della dott.ssa Annamaria Merola, che ha lavorato al Telefono Rosso. Ti saremmo oltremodo grati se ci farai sapere in primo luogo se sei riuscita a contattare il Tel. Rosso e poi se ci sono aumenti di rischi teratogeni e se sì in quale percentuale. Grazie

Cara Signora, la Tac pelvi dà una dose di radiazioni al bambino inferiore rispetto a quella che può danneggiarlo. Anche la pillola assunta nelle prime 8 settimane di gravidanza non dovrebbe dare alcun problema. Per dati più precisi devi chiamare il Telefono Rosso, dovrai inoltre farti seguire da centri specializzati per fare delle ecografie più accurate, anche in questo ti potrà aiutare il Telefono Rosso. Io intanto ti voglio tranquillizzare e sollecitare il contatto con il Tel. Rosso.

Dott.ssa Annamaria Merola ginecologa presso il Gemelli

Grazie per l’aiuto, volevo dirvi che dopo tanti tentativi sono riuscita a contattare il Telefono Rosso, che mi ha dato le stesse risposte che mi avete mandato voi. Ora sono alla tredicesima settimana ed il mio ginecologo dice di stare tranquilla, che sta andando tutto bene, ma io sto sempre un pò preoccupata. Grazie x la vostra disponibilità, ve ne sono veramente grata.

Siamo felici per te. A dire il vero non avendo avuto più tue notizie, siamo stati un pò in apprensione. Vorremmo poter pubblicare con il tuo consenso sul nostro sito la tua storia, perché riteniamo che essa possa essere utile a rasserenare e a tranquillizzare tante donne che si trovano o si troveranno nelle tue stesse condizioni.. oppure, e forse è meglio, perché puoi raccontare meglio le tue sensazioni ed emozioni, potresti scrivere una lettera che pubblicheremmo sul sito. Poi vogliamo dirti che nessun medico si sognerebbe di dire ad una donna che va tutto bene quando ci sono seri rischi di malformazione del bambino, né un medico del Telefono Rosso né il tuo ginecologo, se non altro per non rischiare conseguenze medico-legali. In gravidanza, poi, accanto alla gioia è normale avere un minimo di preoccupazione, pensa cmq che hai a disposizione tante indagini per informarti e rassicurarti. Tanti cari saluti, baci e auguri, Associazione Gravidanza Felice

Grazie x essermi stati vicino. Ho avuto problemi col pc e x questo ho risposto tardi. Ieri 15.07.2008 ho effettuato la premorfologica e sta andando tutto bene. Oltre ad essere seguita da un ginecologo del mio paese vado a Napoli al Federico II, dove partorirò, essendo che lì sarò più seguita x mezzo del mio problema di emofilia. Domani sto alla 19sima settimana. Direi di aspettare fino alla fine x pubblicare la mia storia: sa un pò per scaramanzia e poi almeno con un bel finale “LA NASCITA”. AHAA!!! Dimenticavo è un maschietto. Non ho parole x ringraziarvi: mi state vicino e in questo momento le vostre parole valgono tanto, mi danno serenità. Dal profondo del cuore. GRAZIE

13 gennaio 2009

da Marì – Napoli ad Associazione Gravidanza Felice

Non so se vi ricordate di me! Verso maggio del 2008 vi scrissi un’e-mail preoccupata per il mio stato di gravidanza. Ero alla settima settimana quando scoprii di essere incinta, ma a quattro settimane ” senza sapere di essere incinta” feci una Tac all’addome con mezzo di contrasto ed in più assumevo la pillola anticoncezionale. Andai nel panico e chiamai il Telefono Rosso, che in un certo senso mi tranquillizzò, ma il pensiero fino a fine gravidanza mi faceva impazzire! Cmq vi annuncio che il 20 novembre 2008 all’Ospedale Federico II di Napoli è nato il mio angelo, si chiama Adolfo Pio ed è sanissimo e bellissimo. Approfitto per ringraziare l’equipe del prof. Martinelli del policlinico “Federico II”, che sono stati eccezionali. Ho partorito al Federico II x via della mia malattia, deficit fattore V e un grazie particolare per esserne uscita viva va all’ematologo del Policlinico, al dott. Antonio Coppola, il quale mi ha seguito per tutta la gravidanza e dopo il parto. Un bocca al lupo a tutte le donne incinte. Un abbraccio, Marì

Se ti piace gravidanza felice ricordati di seguire la nostra pagina facebook

55 commenti su “EMOFILIA, TAC ALL’ADDOME CON MEZZO DI CONTRASTO E PILLOLA ANTICONCEZIONALE SENZA SAPERE DI ESSERE INCINTA: BIMBO SANO”

  1. sono gia passati 25 gg e nel frattempo la mia vita e il mio corpo e stato lacerato fisicamente ma soprattutto psicologicamente.Assediata da uno stuolo di medici che mi mettevano in guardia per la salute del mio bimbo e la mia che in questo periodo era molto cagionevole.Purtroppo quasi come un colpo di spugna faccio la mia scelta di non tenere questa creatura.Fisicamente molto dolorante e sofferente,questo non mi ha sicuramente aiutato a fare la giusta scelta.Ora sto molto meglio,ho iniziato una nuova terapia e sicuramente se solo fossi stata bene un po e avessi letto prima questa preziosa testimonianza……….Ma con i se e i ma non si puo vivere e andare avanti.Mi dispiace di non aver dato una bella testimonianza in questa pagina,quanto avrei voluto essere anche io testimone di una storia a lieto fine!!!!!Grazie cmq del supporto importantissimo per altre storie e altre vite

    Rispondi
  2. Ciao Carla, mi dispiace riaprire la tua ferita, ma ti scrivo solo perchè quanto dirò ti potrebbe essere utile in futuro e perché senz’altro utile a tante donne, che potrebbero trovarsi nella tua medesima situazione di donna fragile, “assediata da uno stuolo di medici”, preoccupati più dalle possibili conseguenze medico-legali, legate al “rischio riprodutttivo” di base, cioè alla probabilità naturale di ogni donna di aver un bambino con qualche anomalìa o handicap, che dalla salute della donna e del bambino.

    Al Telefono Rosso (06 3050077), copio da un depliant, “rispondono medici specialisti in Ostetricia e Ginecologia con particolari competenze nel campo della Medicina Prenatale, dell’assistenza alla gravvidanza ad alto rischio e della Teratologia Clinica. Nella valutazione del rischio riproduttivo si avvangolo, oltre che delle loro specifiche competenze, anche di banche dati disponibili a livello internazionale, quali TERIS e REPROTOX, nonché della sistematica revisione della letteratura scientifica attraverso la consultazione in tempo reale delle pubblicazioni mediche più recenti (MEDLINE)”.

    Possono e sono senz’altro utili le testimonianze di altre donne su questo forum, però il Telefono Rosso e gli altri Teratology Information Service Italiani ti mettono a disposizione, quindi, oltre a medici altamente specialisti, molte e molte di più testimonianze. In tanti casi, come quello delle radiazioni in gravidanza, infinitamente di più, e tutte controllate e verficate!

    Rispondi
  3. Ragazze ho trovato questo sito perché mi trovo nella stessa situazione…io ho fatto la tac con e senza contrasto all adome..e adesso ho superato di un giorno le mestruazioni sono in ansia…ma con la tac non vedono se cè qualcosa nell utero?grazie a tutte.

    Rispondi
  4. Non hai nulla da temere, cara Federica, perché hai effettuate le tac in un’epoca della gravidanza considerata sicura.

    Come avrai senz’altro letto nei commenti precedenti: “Nel Periodo pre-embrionale o nella fase blastemica -dal 14º giorno, momento del concepimento fino al 32º giorno dall’ultima mestruazione – qualsiasi agente teratogeno (potenziamente in grado di dare malformazioni) ha un effetto “tutto o nulla” e, cioè, o determina un aborto precoce o non causa danni.”
    Massimo Pagano e Pierpaolo Mastroiacovo in “La prescrizione dei farmaci in gravidanza” – Mc Graw Hill Libri Italia Srl – 1988 – 1997).

    Hai effettuato le Tac, cioè, in un’epoca della gravidanza, dove anche 15, 20, 25 rad (rad= unità di msura delle radiazioni) o producono l’aborto di cui la donna a volte nemmeno se ne accorge o la gravidanza procede normalmente.
    E se la gravidanza c’è, non hai quindi, nulla da temere.

    Se dovesse permanerti ancora qualche dubbio, messoti caso mai da qualche medico non molto competente, che pensa più a difendersi dal rischio naturale di base comune ad ogni donna, che a dare informazioni precise e corrette, chiama il Tel. Rosso, 06 3050077 o se non ci riesci, scrivi a info@gravidanzafelice.it o chiama ai numeri che trovi su https://www.gravidanzafelice.com/nuovo/contatti/ e verrai messa in contatto con qualche medico che ha lavorato o lavora al Tel. Rosso.
    Buon Natale, Buon Anno e soprattutto feliciissima garvidanza, se c’è.

    Rispondi
  5. Carissima Federica,

    ho visto quello che hai scritto e la risposta di Piero, che mi pare possa darti davvero tutta la tranquillità e serenità.

    Ma hai poi verificato se sei in gravidanza? oppure ti sono tornate le mestruazioni?

    Facci sapere e soprattutto stai tranquilla fino in fondo

    Un abbraccio

    Marica

    Rispondi

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WhatsApp chat