Testimonanza tac alla testa e gravidanza

Tre ginecologi mi avevano consigliato l’aborto perché, senza sapere di essere incinta, fui sottoposta a tac alla testa con mezzo di contrasto dopo il ricovero in ospedale per una forta cefalea che mi aveva fatto svenire. Uno di questi mi disse che, se qualcuno mi diceva di non abortire, dovevo cacciarlo di casa perché il rischio che il bambino nascesse senza braccia o con un braccio più corto e l’altro più lungo era elevatissimo.

Sapevo dell’iniziativa “Telefono Rosso” perchè quando fui ricoverata, appena dopo che la TAC era stata effettuata, venni a conoscenza casualmente che questa poteva danneggiare il feto. Mi ricordai allora di aver avuto rapporti completi con mio marito, perché desideravamo un altro figlio.
Temendo di essere rimasta incinta, confidai questa mia pena ad un’altra ammalata e amica di una persona, venuta  a visitarla,  che mi parlò del Telefono Rosso.
Dopo aver scoperto di essere incinta e dopo aver sentito i consigli a favore dell’aborto di questi medici, fui convinta da questa persona a chiamare il Telefono Rosso per sentire il suo parere.
Il medico che rispose, dopo avermi fatto una serie di domande, disse che o non ero ancora incinta quando subii la TAC o che, anche se lo fossi stata, la TAC non aveva potuto danneggiare il concepito e non aveva aumentato il rischio riproduttivo di base.

Rilascio questa testimonianza, a circa 8 anni dalla nascita del bambino, perfettamente sano, perché sia fatto conoscere il “Telefono Rosso”, in modo che altre donne non abbiano a soffrire come me e decine di migliaia di bambini, desiderati o no, siano salvati dalla morte.
Santa Barbara, lì 07-02-2003

Maria Teresa G.

Testminonianza firmata in originale presso la sede dell’associazione.

Testimonanza tac alla testa e gravidanza

6 pensieri su “Testimonanza tac alla testa e gravidanza

  • maggio 12, 2008 alle 1:41 pm
    Permalink

    sono una ragazza di 33 anni con deficit del fattore V(emofilia) in data 0648 sono stata ricoverata in ospedale x un eventuale scoppio di follicolo mi hanno fatto una tac all’addome con mezzo di contrasto e in più (premetto)che assumo la pillola anticoncezionale (arianna)da 14 anni.Dopo tutte queste indagini esco dall’ospedale e dopo aver fatto ulteriori esami tra cui il bete hcg che era altissimo vado da un mio ginecologo di fiducia e solo allora scopro di essere incinta di 7 settimane.Ora sono praeccupatissima xche oltre al mio deficit ho paura di aver fatto la tac con mezzo di contrasto(non sapendo di essere incinta mi so fatta il conto ed ero di 4 settimane e poi ho assunto arianna fino a che non mi sia stata diagnosticata la gravidanza)Vi prego ho tanta paura rispondetemi GRAZIE

  • dicembre 1, 2008 alle 4:43 pm
    Permalink

    Sono la mamma di un bambino di 3 anni e mezzo,affetto dal deficit del fattore V che già ha avuto gravi problemi.A 40 giorni emorragia celebrale ,poi 1 altra,operato x 2 volte,ultimamente emorraggia gastro intestinale ed oggi fa ogni giorno terapia col plasma,e nessuno sa dirci altro.Noi viviamo in Calabria e siamo alla ricerca di cure o notizie in merito alla malattia.Se puoi darmi tue notizie in merito,tipo cure,ospedali o centri in Italia o ovunque, te ne sarei davvero grata anke xkè qualke medico pensa ke il mio bambino alla fine non potrà farcela.
    Ti lascio la mia email ed il mio numero di tel. anche solo x uno scambio di esperienze, witchshands@alice.it 0984/919322.
    Aspetto tue notizie con ansia,
    ti saluto e grazie Sofia e il piccolo Alessandro

  • aprile 16, 2010 alle 7:08 pm
    Permalink

    Vorrei sapere il numero di questo telefono rosso. Ieri 15/04/10 in sede di prontosoccorso ho subito una tac encefalo. Con mio marito non abbiamo pensato ad una gravidanza ma se arrivasse ci farebbe piacere. Ho avuto rapporti i giorni 08 – 11 e 12 aprile. se fossi rimasta incinta corro dei rischi gravi il feto? Aiutatemi quando mi hanno fatto fimare il foglio prima della TAC dove dichiaravo di non esserlo mi sono sentita morire, ma tecnicamente come facevo a saperelo?

  • aprile 18, 2010 alle 10:30 am
    Permalink

    Il numero del Tel. Rosso è 06 3050077 (ore 9-13 dal lun. al ven.) Dalle 12 in poi ci sono più probabilità di prendere la linea. Non hai comunque alcun motivo per preoccuparti sia per la dose di assunta – vedi su http://www.gravidanzafelice.com/tabella-radiazioni/ tac al cranio e nota come ci vogliono quasi 100 tac per raggiungere la soglia di sicurezza dei 5 rad – e sia per l’epoca in cui l’hai fatta, cioè nei primi giorni di gravidanza, in cui vige il fatto del “tutto o niente”, cioè le radiazioni ( ma non pochi millesimi di rad come nel tuo caso, ma anche di 10, 15, 25 rad ed oltre ) o provocano l’aborto, di cui la donna a volte nemmeno se ne accorge o la gravidanza procede normalmente senza alcun problema. Chiama e facci sapere

  • febbraio 24, 2018 alle 3:57 pm
    Permalink

    ho 34 anni affetta da slerosi multipla,ho avuto problemi all occhio,non vedevo piu andata in ospedale ho detto che ho avuto ritardo mestruale mi fanno test gravidanza ed e’ risultato negativo cosi mi fanno risonanza con mezzo di contrasto gadolinio,,,,dopo una settimana vomito faccio test di gravidanza positivo…vado in ospedale e dico che sono incinta,,,e mi dicono essendo che era incinta di pochi giorni negli analisi non spunta ,ora sono di 4 mesi e molto preoccupata,ho fatto screening e il risultato e’,,rischio intermedio,,,,desidero tanto questo bimbo,,,sono preoccupata,,,ho chiamato al telefono rosso ma non risponde nessuno,,,vorrei tranquillizzarmi ma come,,,grazie datemi subito notizie

  • febbraio 25, 2018 alle 10:18 am
    Permalink

    Cara Antonella,
    non hai alcun motivo di essere preoccupata e tranquillizzati, innanzitutto perchè, come certamente saprai, con la risonanza magnetica non vengono somministrate radiazioni ionizzanti e poi apriamo una parentesi per dire che “La dose di 5 rad (rad = unità di misura delle radiazioni), che potrebbe essere dannosa per l’embrione, non si raggiunge mai con un singolo esame per la maggior parte delle indagini diagnostiche. Il rischio di malformazione fetale si può considerare insignificante a 5 rad o meno, se paragonato ad altri rischi della gravidanza (National Council on Radiation Protection) Vedi a tal proposito la Tabella dose di radiaizoi assorbita dall’embrione per esposizione a diversi metodi di diagnostica per immagini su https://www.gravidanzafelice.com/nuovo/tabella-radiazioni/ chiusa parentesi. Per il mezzo di contrasto usato,poi, il gadolinio, non c’è nessuna prova di evidenze malformative.
    Inoltre devi sapere che nella “…. fase blastemica: dal 14º giorno (momento del concepimento) fino al 32º giorno dall’ultima mestruazione…… qualsiasi agente teratogeno ha un effetto “tutto o nulla” e, cioè o determina un aborto spontaneo precoce o non causa danni.” (Massimo Pagano e Pierpaolo Mastroiacovo in “La prescrizione dei farmaci in gravidanza” – Mc Graw Hill Libri Italia Srl – 1988 – 1997)
    Se non riesci a prendere ancora la linea del Telefono Rosso (dalle 12 alle 13 e negli orari pomeridiani è più probabile), puoi chiamare Il Centro di Tossicologia Perinatale dell’Ospedale Careggi di Firenze, tel. 055-7946731 – dal lunedì alla Domenica compresa ore 9,00 / 19,30 – per gli utenti, tel. 055.794.6859 per gli operatori sanitari, che fa parte, come il Telefono Rosso, dei Teratology Information Service Italiani, cioè, dei “serivizi gratuiti di consulenza medica sui rischi riproduttivi, associati e collegati tramite l’E.N.T.I.S. (European Network Teratology Information Service) e l’O.T.I.S. ( Organization Teratology Information Service) con tutti i servizi simili operanti in Europa e nel Mondo”.
    Un abbraccio forte e facci sapere cosa ti dicono il Telefono Rosso o il Careggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WhatsApp chat