Varicella in gravidanza

Firenze, lì 15 febbraio 2013

Salve sono Domenico, il papà di un bellissimo bambino di 6 mesi: Gabriele.

Anche se con un po’ di ritardo ci tengo a riportare sul forum la nostra esperienza, perché è anche grazie a voi se adesso posso gioire di mio bambino, se posso guardarlo sorridere dolcemente, se posso guardarlo teneramente mentre dorme con noi nel lettone, se posso abbracciarlo con amore, insomma se le nostre vite da belle sono diventate stupende. Vi sto scrivendo con lui in braccio che dorme: si dice che non bisogna farlo perché si viziano, ma a noi non interessa perché vogliamo tenercelo stretto più tempo possibile.

La gravidanza però non è stata così serena, anzi: sono stati nove mesi di dubbi, ansie e preoccupazioni. Il motivo è stata la varicella di mia moglie.

Abbiamo scoperto di aspettare un bambino nel dicembre 2011, ma la gioia è durata ben poco, infatti pochi giorni dopo è comparsa la varicella. Sinceramente non sapevamo quali potessero essere le conseguenze  anche perché l’ex ginecologa di mia moglie le sconsigliò di fare il vaccino, ma nel momento in cui le dicemmo della malattia ci consigliò vivamente di interrompere la gravidanza. Ricordo ancora quella sera, probabilmente una delle più brutte della nostra vita.

Fortunatamente la stessa sera ho trovato su internet il sito gravidanza felice ed il relativo numero del Telefono Rosso, il quale mi ha messo in contatto con il dott. Noia del Gemelli di Roma, una persona oltre che competente, gentilissima ed umana; infatti ci rassicurò già telefonicamente e ci prese appuntamento per qualche giorno dopo. Quella semplicissima telefonata, dove tra l’altro fu molto chiaro e preciso su quelli che potevano essere i rischi e le relative probabilità, ha evitato che potessimo prendere decisioni avventate…… fortunatamente!!!!

Doveroso è ricordare anche un altro medico, consigliatoci dall’attuale ginecologa di mia moglie, l’infettivologo del Careggi di Firenze, il dott. Trotta che, contattato la mattina seguente, ci ricevette già il pomeriggio dello stesso giorno.

Entrambi i medici furono chiarissimi: contrarre la varicella durante i primi mesi di gravidanza statisticamente è molto raro; però purtroppo a qualcuna capita. Entrambi ci comunicarono che tutte le gravidanze hanno una percentuale, seppur minima, di complicazioni (1-2%) ed a questa percentuale bisogna aggiungere un ulteriore 0,5-2 % di rischio derivante dalla varicella. In questa fase più volte ci si diceva che valeva la regola del “tutto o niente” [dal momento del concepimento fino al 32° giorno dall’ultima mestruazione qualsiasi agente teratogeno o determina un aborto spontaneo precoce o non causa danni] ed avevamo davanti ai nostri occhi tutta la serie di problemi gravi scritta nero su bianco dall’infettivologo: danni a carico dell’encefalo, occhio (microftalmia), cute (cicatrici), apparato intestinale (danni funzionali ed anatomici), apparato urinario (anomalie a carico degli sfinteri della vescica) ed arti (deficit di sviluppo). Inoltre ci era stato detto che se è vero che ci sono delle problematiche che possono essere individuate anche tramite le strutturali, ve ne sono altre che non sono evidenziabili neppure con l’amniocentesi; però quest’ultima accompagnata da un’analisi specifica fatta sul liquido amniotico, in cui si va a ricercare la presenza del virus specifico, ti dice con certezza se il virus è presente o meno nel liquido amniotico. I limiti di tale esame consistono nel fatto che se la ricerca sul liquido amniotico dà esito negativo, indica che non vi dovrebbe essere stata infezione fetale, mentre in caso di positività indica che vi è stata infezione fetale ma non necessariamente una malattia a carico del feto.

Nonostante  tutto e nonostante la quantità impressionante di ecografie (mediamente una ogni 15 giorni) avessero dato esiti incoraggianti, decidemmo lo stesso di fare l’amniocentesi. Per comodità l’amniocentesi è stata fatta al Careggi di Firenze, ma è doveroso dire che il dott. Noia del Gemelli di Roma ci aveva dato tutta la sua disponibilità ad eseguirla lì, ed in ogni caso di valutare insieme i risultati della stessa.

Da quanto scritto è chiaro che non ritengo di poter essere un consigliere in caso sia necessario prendere una decisione come la nostra perché se è pur vero che ti dicono che c’è una probabilità molto bassa, comunque il rischio c’è. Noi abbiamo  deciso di fare l’amniocentesi e fortunatamente è risultato tutto negativo; questo ci ha consentito di vivere più serenamente i restanti 4 mesi di gravidanza, anche perché in caso contrario non avremmo saputo che decisione prendere, dati tutti i punti interrogativi che avevamo. Ovviamente ogni dubbio è stato tolto nel momento in cui Gabriele è venuto al mondo; è stato sottoposto a controlli più approfonditi del normale, tra cui l’encefalografia ed un controllo specifico agli occhi,e fino ad oggi sembra andare tutto per il meglio.

In conclusione, sono consapevole che questo mio commento non aiuterà coloro che si trovano purtroppo nella mia stessa situazione, ma l’unica cosa che abbiamo capito è che non c’è una regola precisa da seguire; si tende a valutare le probabilità in termini di percentuale nonostante si tratti di una cosa importantissima come la vita di tuo figlio. Solo l’istinto ti può aiutare a prendere una decisione e fortunatamente noi abbiamo incontrato medici seri e competenti anche grazie a Gravidanza Felice e  Telefono Rosso.

Buona fortuna a tutti.

Domenico

Varicella in gravidanza

14 pensieri su “Varicella in gravidanza

  • giugno 9, 2013 alle 9:35 pm
    Permalink

    Ti ringrazio, sono una mamma al quinto mese di gravidanza e sono nella stessa situazione che hai descritto. mi hai rassicurata ancora un pochino, certo, a volte mi vengono pensieri tristi e pieni di paura, ma è grazie alle esperienze come la tua che ritrovo la fiducia e vado avanti. grazie ancora

  • giugno 25, 2013 alle 12:09 am
    Permalink

    ti auguro che tutto vada per il verso giusto….. buona gravidanza!!!!

  • gennaio 8, 2015 alle 8:46 pm
    Permalink

    Ciao.. io sono alla terza gravidanza e ho contratto la varicella alla 25 settimana per poi sfogare alla 27… la paura mi assale e a fine mese farò dei controlli al gemelli di roma… ho il cuore in gola ma in ogni momento voglio essere positiva.. grazie delle vostre esperienze che aiutano chi è in difficoltà come me

  • febbraio 25, 2015 alle 11:45 am
    Permalink

    Ciao Silvia,
    Com´e´andata la visita?
    Ho una dei miei tre figli con la varicella,mia cognata e´incinta alla 24 settimana,due giorni prima della comparsa e´stata a contatto con la bambina,ho paura che l’abbia presa anche lei!
    Sono alla ricerca di testimonianze rassicuranti!
    Sara!

  • febbraio 25, 2015 alle 11:46 am
    Permalink

    Grazie!

  • febbraio 25, 2015 alle 10:48 pm
    Permalink

    Ciao Sara, io partorirò il 24 marzo
    quando l’ho contratta ero alla 26°
    i medici del gemelli mi hanno rassicurata dicendomi che se contratta dopo
    la ventesima il pericolo era pari quasi a zero..
    poi dalle ecografie gia si vede se non ci fosse accrescimento del bimbo/a
    … poi non fasciarti la testa prima del previsto, magari neanche l’ha
    contratta
    un caro saluto Silvia

  • febbraio 25, 2015 alle 11:36 pm
    Permalink

    Grazie mille Silvia!
    E in bocca al lupo per il parto!
    Hai ragione….ma tutti mi fanno una testaaa,soprattutto mia suocera!adesso le dirò questa cosa cosi forse smetteranno!
    Un caro saluto!
    Sara!

  • marzo 8, 2015 alle 8:44 pm
    Permalink

    Salve a tutti,sono alla seconda gravidanza e purtroppo tra la 5 e la 6 settimana ho contratto la varicella da mio figlio. Ho letto questa testimonianza che mi ha dato un po’ di speranza. Vorrei sapere da altre donne (o papà) le loro storie su questo argomento per potermi confrontare un po’ visto che sono molto preoccupata. Grazie un bacio

  • gennaio 6, 2016 alle 8:53 am
    Permalink

    Buongiorno,
    mia moglie, che e’ alla 10 settimana, probabilmente ha contratto la varicella, ancora non lo sappiamo ma c’e’ molto rischio.
    Ci e’ stato consigliato di usare aciclovir alla comparsa delle prime vescicole, al fine di attenuare i sintomi del virus.
    Sono a chedere se e’ possibile avere un parere da mamme che hanno gia’ usato questo farmaco in gravidanza.
    Grazie.

  • gennaio 6, 2016 alle 6:45 pm
    Permalink

    Gent.mo Sig. Andrea,
    io credo che i consigli più adeguati sul da fare, se – realmente e non probabilmente – sua moglie ha contratto la varicella in gravidanza possono essere a Voi date dal Telefono Rosso (063050077), nel frattempo se ancora non é stato fatto é necessario fare un dosaggio degli anticorpi anti Virus Varicella, che possono dire se sua moglie é immune o no verso il virus della varicella. Augurandovi ogni bene cordialmente vi saluto
    Angelo Francesco

  • gennaio 9, 2016 alle 5:00 pm
    Permalink

    Buongiorno sig. Andrea,
    concordo con angelo. Prima di tutto bisogna accertarsi se realmente si tratti di varicella.
    In ogni caso anche a mia moglie fu prescritto aciclovir nel caso la malattia si fosse manifestata in maniera evidente; invece fu talmente blanda da non essere necessario l’uso del farmaco.
    Le auguro che tutto vada per il meglio.
    Domenico Scialla

  • gennaio 10, 2016 alle 12:27 pm
    Permalink

    Vi ringrazio per le vs parole.
    Aspettiamo e speriamo che questo periodo passi presto.
    Buona giornata!

  • maggio 15, 2018 alle 1:41 pm
    Permalink

    Salve, dopo le vostre info ho telefonato al prof. De Santis, sempre del Gemelli di Roma, persona delicatissima nonostante tra i miei pianti al telefono cercassi di spiegargli la situazione. Lui mi ha consigliato di prendere un appuntamento in day hospital presso il Gemelli una volta caduta anche l’ultima crosticina.
    Al momento su indicazione dell’infettivologo del ps del Gemelli sto seguendo la cura con lo Zovirax. Veramente passo da momenti di ‘serenità’ dove mi dico che vada tutto bene a momenti di assoluto sconforto.. Poi intorno a me iniziano a dirmi che dovrei abortire entro i termini previsti della legge e ciò che vedo è solo nero…
    Scusatemi sono giorni veramente molto pesanti..
    Grazie per il vostro supporto.
    Valentina

  • maggio 17, 2018 alle 11:57 am
    Permalink

    Carissima VALENTINA,

    da parte mia ti consiglio di portare avanti tranquillamente il tuo bambino,
    che è una persona umana fino dal primo istante del concepimento.
    E soprattutto è tuo figlio: unico ed irripetibile!

    Se hai parlato con il Prof. De Santis del Gemelli,
    sei in buonissime mani. E la struttura del Gemelli stesso
    ed il Day Hospital ostetrico
    è ottima per quello di cui hai bisogno.

    Credo che quelli che ti consigliano di abortire sicuramente
    non hanno l’esperienza e la competenza del Prof. De Santis:
    è facile per loro dire “abortisci”, ma dopo porteresti tu dentro di te
    la ferita profonda dell’aborto.
    Ti consiglio di fidarti di De Santis e semmai suggerisci
    a quelli che ti dicono di abortire di parlare anche loro con lui.

    Un abbraccio forte,
    Marica

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe without commenting

Pin It on Pinterest

Share This